Punto Alto: un punto di riferimento nel settore della maglieria di alta gamma italiana
Articolo di Silvia Lago

Oggi le vostre api di Italian Bees si trovano a Faloppio, in provincia di Como, presso l’azienda Punto Alto Srl. Colori eleganti e sgargianti, decorazioni di tutti i tipi, cuciture complesse… Ogni particolare presente fa capire subito che ci si trova in un ambiente di artigiani e artisti del tessuto di alto livello. 

A raccontarci la storia dell’azienda è Arianna Bernasconi, la giovane titolare di Punto Alto.


Ciao Arianna, grazie per averci fatto visitare il vostro maglificio. Vuoi fare una breve presentazione dell’azienda?

Certamente. La nostra storia inizia nel 1946, con la fondazione dell’azienda da parte del mio bisnonno. Io rappresento la quarta generazione del maglificio. La nostra azienda è a conduzione famigliare, infatti la gestisco insieme a mia mamma e a mia zia. In tutto abbiamo tredici dipendenti.

Punto Alto si trova in provincia di Como e tutti i nostri abiti sono fabbricati interamente nel nostro stabilimento: la filiera è al 100% italiana. 


Com’è nata l’azienda di preciso? 

Il mio bisnonno arrivò da Piacenza e decise di aprire una ditta per costruire macchinette a mono macchina e successivamente la convertì nel maglificio. La sua storia è particolare perché assunse tutte le ragazze e le donne della zona di Uggiate Trevano, dando così nuova vita all’ambiente circostante. 


Come avviene il processo di produzione?

Innanzitutto gli stilisti di brand conosciuti o di marchi indipendenti vengono qui da noi, per trarre ispirazione dal nostro archivio punti e da tutti i campioni che abbiamo fatto negli anni. Il nostro archivio, infatti, vanta circa 1500 pezzi di punti e 400 prototipi. In particolare vengono affiancati e aiutati dal nostro ufficio stile. 

Dopodiché si trasferisce tutto il lavoro sulle macchine. Noi utilizziamo macchine rettilinee, moderne e completamente elettroniche. Poi si passa alla fase dell’assemblaggio: le nostre ragazze montano i pezzi di tessuto sui rimagli e li assemblano, creando così il capo finito che verrà poi consegnato ai negozi. Dalla nostra sede spediamo in tutti i vari hub di spedizioni, ai negozi e ai siti internet. 


Le materie prime che utilizzate sono di origine italiana?

Sì, i filati che utilizziamo provengono esclusivamente da filature italiane. Noi puntiamo soprattutto a un’etica, cerchiamo di comprare filati cruelty free e senza mulesing. In questo modo siamo certi che gli animali vengano rispettati. Ad esempio, alcuni animali come gli yak vengono addirittura pettinati e si rispetta il loro ciclo naturale della perdita del pelo. Dopodiché viene tutto filato in Italia e noi compriamo direttamente le rocche finite. 


Chi sono i vostri clienti principali?

I nostri clienti principali sono stilisti che vogliono avviare una propria linea, ma anche grandi brand di fama mondiale. I nostri prodotti appartengono alla fascia medio-alta, quindi sono molto ricercati. Realizziamo abiti anche per le passerelle delle più importanti fashion week. I nostri clienti sono sia italiani che esteri, specialmente delle zone della Francia, Inghilterra, Svizzera, Spagna, Russia, USA e Israele.


Qual è la tecnica in cui vi siete specializzati?

La nostra azienda è specializzata in tecniche molto particolari, soprattutto gli jacquard. Per la realizzazione degli jacquard è importante mantenere al massimo sei colori, compreso il fondo, e oggi quasi nessuno riesce a fare disegni di questo tipo, anche molto complessi. La maggior parte delle volte i disegni li forniscono i clienti, noi diamo solo delle linee guida su come impostarli e poi ci occupiamo della realizzazione. 


Successivamente all’intervista, Arianna ci ha dato la possibilità di visitare la sua azienda e di vedere dal vivo come avvengono le fasi della lavorazione del tessuto. L’evoluzione dell’azienda della famiglia Bernasconi non è la classica storia imprenditoriale, ma è legata indissolubilmente con la storia del paese. Dall’epoca della fondazione fino a oggi, Punto Alto si è distinta come azienda dai sani principi e come produttrice di capi d’alta qualità, presenti oggi sulle passerelle di tutto il mondo. 


Se siete curiosi di conoscere altre realtà italiane, continuate a seguirci!

Apicoltura Gallo: una passione per le api da quarant’anni
Articolo di Silvia Lago