Il Mastro Geppetto contemporaneo: Maestrodascia

Articolo di Barbara Zucca

Benvenuto nella nostra WebTV!

Entra nel mondo di Federico e guarda la nostra video intervista a Maestrodascia sulla nostra WebTV!

Scopri di più

Generazioni di falegnami hanno trasmesso mani sapienti a Federico Coni, in arte Maestrodascia, che ha deciso di dare “un volto nuovo” al legno. Federico si definisce un Mastro Geppetto contemporaneo, anzi un Mangiafuoco e ha dedicato la sua vita alla realizzazione di balocchi e giocattoli in legno.

Chiamare giocattoli di legno le sue creazioni è come dire che Pinocchio era solo un burattino, infatti la sua frase preferita è stata:

“Un mondo senza Pinocchio è un mondo brutto”

La fiaba amata dai piccini è stata la fortuna dei legni di scarto, pronti da essere buttati nella stufa che nelle sue mani prendono vita in personaggi fantastici. La capretta turchina, il cane Alidoro, il pescecane, Geppetto stesso per non parlare di tutti i Pinocchi che abitano il suo magico laboratorio.

Come è iniziato il mondo di Maestro d'ascia?

Federico inizia a creare giocattoli davanti al fuoco dove assembla piccoli pezzi di legno, resti delle lavorazioni in falegnameria del padre. L’esperienza, gli studi e il tempo hanno permesso, al nostro Geppetto contemporaneo, di costruire un vero e proprio esercito di giocattoli, esposti nella sua Pinokkieria dove chiunque può ammirarli.


Come realizza le sue opere?

Una volta creati i suoi pezzi, il Maestrodascia li assembla in maniera precisa rendendoli mobili nelle giunture e fissi nei punti statici. L’ultimo passaggio è quello di donargli la vita.

Le sue nuove creature legnose vengono messe in posa, come se stessero compiendo un’azione, come se volessero fare quello per cui Federico li ha creati. Chiunque può ammirare le sue incredibili lavorazioni nella Pinokkieria, ad Ales un piccolo paese Sardo in Via Corso Cattedrale, 39.

Un luogo che merita sicuramente una visita e chissà che vogliate portare con voi un piccolo nuovo amico per far compagnia ai vostri bambini.


Maria Luisa Paoletti, l’artista umbra che dipinge siciliano
Articolo di Roberto Pelos