Laboratorio ceramico De Simoni: una fucina di idee e creatività
Articolo di Noemi Giommi

Oggi ho avuto il piacere di conoscere Andrea De Simoni, titolare e fondatore del Laboratorio Ceramico De Simoni di Pesaro. Una persona che esprime un’autentica passione per l’arte ceramica e la sua diffusione. La stessa passione che trapela da ogni sua creazione presente nella sua bottega artigiana.

Andrea, puoi raccontare ai lettori di Italian Bees com’è nato il tuo laboratorio?

Il Laboratorio Ceramico De Simoni nasce nel 2017, da tempo sentivo l’esigenza di entrare “veramente” nel mondo della ceramica, per cui ho un’enorme passione. Ho intrapreso questa strada grazie al supporto di miei ex-insegnanti delle scuole superiori, dopo un periodo passato a creare oggettistica di scena per i teatri, che realizzavo in polistirolo. Successivamente, ho dedicato 15 anni alla mia specializzazione nelle varie tecniche di lavorazione ceramica, da quella antica a quella moderna (anche con l’utilizzo del gres).

Comunque sia, ho iniziato la mia attività creando oggetti di ispirazione orientale, utilizzando la tecnica raku, da qualche tempo invece la mia produzione spazia da oggetti di uso comune, legati anche alla ristorazione, ad oggetti di design, antico e moderno. Poi, una caratteristica (credo quasi unica) della mia bottega è che ho voluto che fosse “aperta”, vale a dire che oltre alla produzione di oggetti nati dal mio estro e di prodotti richiesti direttamente dal cliente, c’è un ulteriore aspetto molto importante per me.

Il mio laboratorio è infatti aperto a chiunque voglia imparare a lavorare la ceramica, attraverso corsi di formazione. Metto inoltre a disposizione i forni qui presenti a chi, non avendo disponibilità di un forno adatto, ha necessità di cuocere le proprie creazioni. Nel territorio pesarese credo di essere uno tra i pochi che ha aperto le porte del proprio laboratorio a persone “esterne”.

Un tempo, infatti, era un tabù entrare nel laboratorio di un maestro perché i metodi di lavorazione, ecc. erano coperti da una specie di segreto. Al giorno d’oggi però i segreti sono pochi, piuttosto c’è tanto da imparare e da dare a questo mestiere. Per l’appunto, andando avanti nel mio lavoro ho capito che non importa quanto io possa essere abile come ceramista, avrò sempre da imparare dagli altri artigiani.